Skip to main content

Tu su pianeti lontani

By Poesia No Comments

Con gocce di te

non si riempie una tazza,

figurarsi una vita!

Le parole versate

con parsimonia senile,

un fondo di bottiglia

di ratafià. Grido nel vuoto

che spazia fra noi,

soltanto silenzio,

come è giusto che sia.

Colori che vedo?

Un grigio di nebbia,

satelliti, eroi

E una via lattea

distesa fra noi.

 

Viaggio d’inverno al mare

By Poesia No Comments

Ossa vessate,

povera calcina in disamore.

Fondi di bicchiere vuoto

come verde, scuro mare

e tuffarmi ad occhi chiusi

dentro il freddo disperato

del ricordo di un amore,

correndo intanto, grigio,

come una strada provinciale,

il nonsenso dell’andare,

mentre tutto, al gusto,

pare amaro e sa di sale.

 

Eternità

By Poesia No Comments

Fra gli esopianeti

venivo a cercarti,

invocando nel vuoto

il tuo nome segreto.

Alle porte dei cieli

deposi il mio amore,

quasi certa sperando,

alla fine dei tempi,

di potere incontrarti.

 

 

L’inaspettato

By Poesia No Comments

Il futuro si annida

dietro a porte pesanti…

Chi l’avrebbe mai detto,

in quel mattino di sole

-Ti aspettavo alla soglia

quasi con il sorriso

e questi tre spilli

già fra il cuore e la gola-

che il cammino previsto

si sarebbe deviato?

Poi il cielo si è stinto

in un coro di vuoto,

alto un vento mi ha torto

fili d’anima in nodi…

Dopo un giorno e una notte

sì lo so, son tornata.

Ma la strada fu lunga

e io sono cambiata…

 

La coppia stanca

By Poesia 11 Comments

Che vuoto inesorabile

quello che viene visto

come felicità!

La sorrisite,

la pazienza santa,

la tolleranza…

Vita di segreti affanni

e qualche bonaccia,

avventure da yogurt scremato

e mezzo croissant.

Addentare la vita

da coppia sposata.

Mai soli mai. Beati noi.

 

Capodanno2018

By Poesia 12 Comments

tempo lungo

La misura del tempo

è all’interno del cuore.

Il mio anno, signori,

è stato eterno

e così pesante

da curvarmi le spalle,

come potete vedere.

Mi ha levato il dono

della fata madrina

che fin dalla culla

mi dava la forza

di sperare

e trovare ogni giorno

uno scopo, qualcosa

da desiderare.

Ho passato il primo

del 2019

a dormire e pensare

a contemplare

il vuoto orrendo

che mi dilania dentro,

ho calpestato le ore,

consumato il divano,

ho gridato all’interno

senza sprecare

un filo di voce.

E sì… nel 2018

mi hanno fatto del male.

Tanto.

 

 

L’identità

By Poesia No Comments

identità

Equilibrio perfetto

fra il vuoto che ho dentro

e questo bel tempo.

Nessun flusso o riflesso

della psiche allo specchio

solo una figura illusa

di una tridimensionalità

che invece non ha.

Mi lavo i capelli

però non li asciugo

ed ecco che spunta

la mia anima annodata,

tormenti ritorti

di ciocche sottili,

sarebbero boccoli

se avessero un nesso,

però basta questo

per darmi più senso,

quasi inseguendo

la libertà.

 

Pomeriggio in casa

By Poesia 6 Comments

 

La tubizzata delirio

Adesso la solitudine

ha una voce di macchina,

tubi dell’acqua,

turbìne in cantina,

chissà. Respiri del nulla

e io qui da sola

con la mia voglia di dire,

riempire, riempire

il vuoto di un tempo

che più si prolunga,

più  perde senso.

Intanto che ascolto,

mi sento, respiro,

amo tossire, così,

tanto per fare…

Sottovoce racconto

alla  ventola chioccia,

noiosa ma fresca,

il nonsenso dell’essere

senza il capire.

Galleria d’arte (autoritratto)

By Poesia 5 Comments

buchi nel cuore

Nessun nuovo testo aggiuntivo

diario svuotato di senso,

pagine bianche, niente succede.

Mi sento una tela di Fontana,

l’anima sforacchiata dal nonsenso,

il vuoto all’infinito ripetuto dentro.

Manca il valore aggiunto

Del taglio d’autore, un vernissage,

un po’di pressing intorno…

Non sono di moda, sono uno straccio,

la tela di un lurido sacco,

come un Burri, ma senza l’autore,

palandrana da poveri e, sotto,

i buchi nel cuore.

Simmetricamente

By Poesia 7 Comments

la-simmetria-del-tempo-universale

Oh come sarebbe bella

la simmetria del tempo

così da poter tornare

e che quello che fu rotto

si potesse aggiustare,

oh come sarebbe bella

la rarefazione

in perfetto equilibrio

con la continuità

della creazione,

così che l’infinito

avesse un senso

e che l’universo

quasi vuoto

e quasi peno

fosse perfettibile

e perfetto insieme!