Interazioni cosmiche

Stella grande

Verrò a cercarti nel passato,

viaggiando verso il dove e il quando

su quanti di ricordi e di speranza

e troverò quella deformazione immensa

in qualche curvatura di universo

che la tua  grande grande stella

sorgendo nel mio cuore ha generato.

 

 

La foglia rossa

Acerella

Sconfitta giaccio a terra

come una foglia morta,

ma morta io non sono,

almeno non ancora.

Guarda le venature!

Ci scorre dentro il sangue

e in rosso le colora

e il lieve palpitare

che un poco mi solleva

non è per via del vento,

ma è il battito del cuore.

Musicista

Apollo al theremin

Cercando flussi d’anima

morfologie sonore

di spiriti silenti

suonavi solo il theremin

vibrando di speranza.

Svegliavi le molecole

nel buio della  stanza

in vortici invisibili

nasceva la gran danza…

La musica energetica

scendeva giù dai tempi

cantava mondi e stelle,

le nascite, le morti,

la vita prepotente

che eternamente scorre,

un unico respiro

in noi dall’universo,

un unico gran cuore

che batte, batte, batte…

Liberami l’anima

Anturium su fondo rosso

Curami la tristezza

strappami via dal corpo

quest’anemia della sera

che mi aderisce alla pelle

seducendomi il cuore.

Dammi amore la forza

di ritrovare in cielo le stelle

di essere fiore danzante

ala di rossa farfalla

spruzzata di polvere nera

anthurium già colto reciso

anima non più prigioniera…

Cavallo bizzarro

cavallo bizzarro e tramonto

Mi potresti trovare

una cosa speciale

per fermare il mio cuore?

Hai mai visto un cavallo

scalpitare impazzito

quando è stato rinchiuso

e gli apri la stalla

e va fugge e galoppa,

non si può più fermare?

Così oggi è per me,

fino all’ultimo istante

e vorrei, te lo giuro,

continuare ad andare

fino a farmi scoppiare.

Sento dentro una voglia,

una smania infinita

senza nome né volto

che non riesco a saziare…

Il tempo del silenzio

medusariomarino

Violare il silenzio del cuore

fa quasi paura. Non sento

non penso, nulla mi trema

dentro. Non sto né male,

né bene, solo questo silenzio.

Di te così lontano nel tempo

non mi arriva più niente,

solo un senso ostinato

di freddo. Forse sei morto.

E non ho desideri, né sogni,

e non voglio partire, vedere

paesi nuovi, conoscere cose.

Mi sta bene la bolla di muco

rappreso che mi è nata intorno,

il nido per la stanchezza

di volere sempre. Tentacoli

di medusa mi spunteranno

o forse metamorficamente

sarò una tilllandsia e vivrò

d’aria cantando cantando…