Vertigine: il loto

io incubo

Tutto gira…

labirinti concentrici

infiniti mosaici

di tessere infinite

che percorro di notte.

Di notte tutto gira.

La tartaruga

che regge il mondo

sul carapace

corre impazzita,

le droghe vegetali, forse,

il loto,

per sopportare la fatica.

L’improbabile alchimista

che ha creato l’universo

mi spara nella mente

una risata privata.

Si diverte con me,

perché non sono banale.

Mi rimbomba la testa,

tutto gira.

La nudità primordiale

non è un peccato.

Spogliamoci e parliamo,

tranquille parole.

Se vuoi, dopo, faremo l’amore,

sdraiàti sull’orlo

del mio gorgo autodistrutttivo.

Dopotutto siamo creatori,

piccoli dei,

garanti del dio maggiore.

Non pensarci, adesso…

di notte tutto gira.