Skip to main content

Parlavamo soltanto

By Poesia 7 Comments

Il sogno della vasca e delle more

È stato dolcissimo

sognarti stanotte…

Assopita nell’acqua,

nella mia vecchia vasca

sono stata svegliata

dal tuo cauto accudirmi,

mi asciugavi la schiena,

con un lieve massaggio,

come se già sapessi

che io stavo tremando.

Con un gran telo bianco

mi negavi agli sguardi,

era un sogno affollato

con la gente lì intorno.

E poi mi baciavi

quasi fossi un fratello,

non lo eri per niente:

La mia bocca stupita

lo sapeva sfiorando

quell’asprigno sapore

del tuo fiato agitato,

come more nel sole

con il sangue sui rovi

e noi due là, nel prato.

Voglio dirti una cosa:

Fino ad oggi, al risveglio

non sapevo, ragazzo,

di averti già amato,

noi, divisi dal tempo,

tu, ridente, all’aurora,

io, già volta al tramonto,

parlavamo in quei giorni,

parlavamo soltanto…

Turchese calmo

By Poesia One Comment

calma-piatta

Rosa tramonto il cielo…

Quattro scogli neri

gettati contro il mare

e un pezzo di molo

a generare calmo

uno specchio turchese

dove l’anima prega

prima di nuotare.

Ieri il tramonto

By Poesia 7 Comments

tramonto-doppio

Ieri il tramonto

versava zaffiri sull’acqua

e lava lucente

sulla cresta dell’onda,

tanto bello, sapessi,

che si restava a guardare,

non io sola, ma tanti,

compagni casuali

in uno stordimento

da fumeria d’oppio,

e ti sentivi lento,

ma contento

e avevi voglia di cantare,

come se il sangue

ti si fosse sciolto

nel rumore del mare,

ecco che cos’era

quel roseo schiumare,

un anemico sdilinquimento

senza dolore, un dolce morire,

e non sapere, mio caro,

se saprai ritornare…

 

 

 

Rosa di maggio

By Poesia No Comments

ombra-della-rosa

Uovo all’occhio

mela e purè,

questo stasera

io mangio

e non desidero altro.

Era il mese di maggio,

ricordi, mammina?

Nonna Amalia

mi portava al rosario

ed il sole al tramonto

decorava la chiesa

con l’ombra lunga

e nera della rosa

che di rosso

fuori splendeva.

Ah, come mi sentivo buona!

Tu, a casa, intanto,

preparavi la cena.

L’esito

By Poesia No Comments

cuore d'arancia.jpg

Spremuto il cuore

fino all’ultima goccia,

povero agrume rosso,

ridotto pelle e buccia,

-almeno è passato

il tempo dell’attesa-

svenato di speranza

or giace nella sera.

Si sdraia il deserto

di un opaco tramonto

spatolato dal vento

sul muro di casa

a inventare la mica

di pallide stelle

e il viscere esposto

della mia delusione

continua a pulsare,

ma sempre più piano.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: