Occhiali da sole

By | Poesia | 3 Comments

vampiro

Sabataccio infame

dopo una notte infame…

Dracula nella mia strada

come un topo squittiva

spingendo un carrello

con dentro la bara

che gli serve da letto

sul far dell’aurora,

non può correre rischi

di vivere il giorno.

Io ci sono costretta,

ma mi sento già morta,

e porto gli occhiali,

per perdere il sole.

Interno arancione

By | Poesia | 2 Comments

le mie clivie

Quattro righe di sole

quel che resta del giorno

sul mobile scuro.

Nel vaso cinese

il rosso tramonto

di un mazzo di clivie.

Esperto di tutto,

il mio cuore in penombra

ancora sorride.

L’ultima neve

By | Poesia | 3 Comments

l'inverno che se ne va

Suonano di ossa stanche

i miei già lenti passi nella vita

e più la primavera affanna i rami

di fiori gemme e nidi nuovi

e inventa cieli azzurri e voli

più io mi sento estranea e grave

e più si fa vicino il bianco giorno

in cui mi donerò all’inverno

e gli sarò compagna in gelide contrade.

La scelta

By | Poesia | 12 Comments

mano della sorte su tappeto verde

Finite le ore brevi,

tanto preparate

e tanto attese,

resta il compimento

di questo giorno

che s’è fatto lento.

Gettati i dadi,

la lenta ricaduta,

ecco il peso grande

di una scelta

per il resto della vita.

Onde gravitazionali

By | Poesia | 7 Comments

Propagazione

Che ci fosse

una musica energetica

dell’universo,

come gli dei,

già lo sapevo.

Come gli dei,

la sentivo

col corpo

e col cuore

ed essendo mortale

quasi ne morivo.

Già da tempo

col loro linguaggio

la nominavo

e, quasi morendo,

io la cantavo.

Musica estrema,

spartito grande

di ogni evento ,

di tutto l’amore,

fin dal primo

atto creativo,

ma anche

di ogni morte,

arpeggio

e battimento

di ogni violenta

carezza con cui

ciò che è

fu concepito,

di ogni lacerante

grido materno

per la nascita

o morte di un figlio.

Mai sarà dato

conoscerla intera

fino al giorno

del compimento

e della riunione,

quando il Tutto

ritornerà in se stesso

mai morendo.

Bocca di fogna

By | Poesia | 10 Comments

bocca di fogna

Inghiottitoio di speranze il tempo,

come di foglie la pioggia con il vento,

bocca di fogna voracemente ingoia

ciò che dell’anima resta, giorno dopo giorno.

Muoiono i sogni, vizzi e infreddoliti,

miseri mendichi ai bordi del cammino…

 

Sul limitare estremo del tramonto

By | Poesia | 4 Comments

fine del tramonto

Guarda com’è finito

anche questo giorno!

Appesa al cielo

con un filo chiaro

soltanto una falena

trafitta dal rimpianto.

E l’ anima si sente

così vuota e vaga

perché non sa

nemmeno lei

cosa le manca.

Forse la tua foto

che promettesti

di mandare presto,

forse le tue parole,

forse solo il tempo

divorato dalle ore

mentre muore il sole…

Oggi

By | Poesia | 9 Comments

un giorno così

Un giorno così

quando tutto il cielo

ti cade sulle spalle

e ti atterra

e cammini

senza gambe

perché sono sprofondate

sotto terra

e un attimo prima

stoltamente

tu cantavi…

L’alba dell’addio (dopo una lunga notte di luna per due amanti disperati, di cui uno veglia, l’altro ancora dorme e sogna di poter restare)

By | Poesia | 3 Comments

ballerinafiori

 

Per quanto la luna danzi ancora

su questa folle aurora viola,

e ali di gabbiano grandi

sorreggano i volteggi dei suoi piedi,

amaro come la più fosca delle notti

senza una stella, né un pianeta in cielo,

amore mio,  già giunge il triste giorno

che tutto oriente adesso indora.