L’augure (interrogando il grigio in cerca di auspici)

auspici

Affacciata al terrazzo

scruto il grigio omogeneo

senza sbavature di giallo

di un cielo stupefatto

dall’immobilità del vento,

già oppressa dalla notte

che fu avida di me

(mi mangiava, il materasso,

fino a fagocitarmi l’anima.)

Nell’assenza dei segni

(nemmeno un gabbiano

s’invola dai madidi tetti)

galleggio in totale naufragio

sull’ineluttabilità bastarda

del muto mio destino.

Era un’alba così

Alba a Milano

Milano, la mattina del venti novembre duemila quattordici

 

Era un’alba così.

Così contenta

di volare sopra i tetti

di Milano,

da strapparsi i vestiti

sul nero dei grattacieli

in drappi di tulle e di raso

gialli, celesti, rosati,

senza darsene pena.

La sentivi ridere

come una rugiada serena

e vedevi i suoi denti di opale,

la sua bocca di porpora

rossa

e la sentivi cantare.

Era un’alba così

su Milano,

me ne dovrò ricordare…

 

 

 

Alba a Sordevolo

Sordevolo pittorica all'alba

Dalla finestra all’ultimo piano,

affacciata sul rosso dei tetti,

vedevo l’alba entrare in paese

furtivamente, strada per strada,

trascinando filacce dorate

che l’aspro artiglio della montagna

dalle vesti le aveva stracciato.

Non udivo il rumore dei passi,

ma argentee note, come di cetra,

cadere a gocce e petali rosa

nel silenzio del calmo mattino.