Neve a Livorno

come nevica
La città alitava
fiati di neve,
la sentivamo fioca
da dentro la casa.
Già sapevamo,
ma volemmo, indiscreti,
vedere.
Con bocche di persiane
gustammo
il bianco spesso del cielo
e la notte, lì,
liquefatta, discinta,
le vesti slacciate,
sorprendemmo
con gli occhi gialli
dei lampioni
e le carezze arancioni
lascive del parcheggio
deserto (il bar era chiuso.)
Poi ritornammo a letto
contenti

Ecco perché di solito mi sveglio quando è ancora buio, ma oggi… (Paura del giorno)

Stanza blu con alligatore

Dopo le otto di mattina

la forza della luce

vince le persiane

ed allaga la soglia

della portafinestra,

in diurna alluvione.

Ho fatto molto tardi,

ma non mi voglio alzare,

il letto è circondato

dalle Everglades

(la Florida che temo)

e se poserò un piede

sul nudo pavimento

tutta la mia speranza

che porto dentro il cuore

sarà mangiata a morsi

dal vecchio alligatore.

Anima d’ombra

creatura non creatura

Filtra l’estate rossa

dalle persiane grigie,

piatta come un ramarro

striscia nel mio dominio,

una dimora scura,

non priva di dolore,

non priva di ristoro:

nell’ombra c’è frescura.

E poi ci sono io,

creatura non creatura,

con le mie anomalie

che a certi fan paura.