L’acquario cinese

By | Poesia, Senza categoria | No Comments

Sotto un cielo

piatto di gesso,

il soffitto, tre pesci

nuotano in tondo

e guardano “il mondo”

con occhi basedowiani.

Credono di specchiarsi

nel chiarore calmo

dell’acqua, la cui fonte

per loro è un mistero,

ingannandosi.

Dipinti sulle pareti

del vaso white bone China

i loro alter ego cinesi.

Anche l’alga del fondo

è piatta e purtroppo

non la si può brucare.

Il loro dio ha forma di mano

e ogni giorno si manifesta

e li nutre con cibo

leggero che vola

e sull’onda si posa.

Forse son già in paradiso,

o stanno nuotando

verso l’estrema illusione

di raggiungerlo infine

in un tempo lontano…

 

Casa nuova

By | Poesia | 6 Comments

Il mio univrso con Marte e Giove

Manca un mese lunare

al compimento dell’anno.

Molta pace qui in casa,

piccolo paradiso interrotto

solo dalle campane

che da un po’ detesto

e c’è ombra e c’è fresco.

La sanità mentale pare

a portata di mano

e la sera con il cielo

decorato stellato

spenzolato sopra i tetti

e Marte e Giove, l’universo

sembra così vicino…

Quindi sto bene e mi contento

del mio trasferimento,

non ho rimpianti

(un fatto molto strano)

se non fosse che faccio

sempre troppi conti

e concludo che mi manca

di poter fermare il tempo.

L’attesa

By | Poesia | 2 Comments

Le casette della tintoria

Rotola il fumo grigio

dal gran camino grigio

per poi sfumare in cielo

tingendosi di azzurro

tingendolo di grigio

È questa la mia strada

la vedo così stretta

come cucita in fondo,

è grigio contro grigio:

I bordi dell’attesa

slabbrati dalla noia

tirati all’orizzonte

per non vedere in alto

se esiste un paradiso…

 

 

 

Il mio cuore calza il 31

By | Poesia | 14 Comments

Scarpetta numero 31

Una sensazione così

l’ho già provata

però ai piedi, non al cuore.

Ero una cara bambina

e ho pagato un prezzo

per un paio di scarpe

che mi piacevano tanto

davvero un po’ alto.

Forse lo meritavo,

quel contrappasso,

anche Dante l’ha detto,

ma  l’avrei scoperto

molto tempo appresso.

Certo, avevo mentito

alla mamma, sulle scarpe

della prima comunione,

un sacrilegio senza confessione.

Erano bianche, col listino

e piccoli fori vi disegnavano

corone di fiori. Unico paio,

il trentuno.

Mi piacevano quelle,

erano corte e strette,

mi facevano male,

a mia madre mostravo il sorriso

e mi fingevo in paradiso.

Ecco, così oggi con te

il mio stupido cuore.

Muottas Muragl

By | Poesia | 3 Comments

Muottas Muragl firmata

Per il nostro appetito

club sandwich di pollo

con contorno di Engadina.

Forse non andremo in paradiso…

Ma poco importa, amore,

già ci siamo stati,

sfiorando con ali

d’aliante o di rapace

l’eternità del bianco

dei ghiacciai

o più semplicemente

galoppando il vento

nella valle dei laghi.