Skip to main content

Anubi

By Poesia 4 Comments

Le messe di quegli anni

un ricordo seppellito,

un diantus profumato

nel libro di latino…

Ma, anche senza riti,

troppo mi è familiare

la contiguità dei morti,

quasi da non capire

dov’è il confine estremo

e tutto questo afrore

di mummia e di rimpianto,

la fede che non c’è,

l’ustione prematura,

tassidermia sbagliata

dei lineamenti amati

e il perdermi io stessa

in vani pii deliri…

 

Questioni d’età

By Poesia 2 Comments

Vorrei essere più vecchia,

almeno di dieci anni,

per creare sintonia

fra il corpo malandato

e l’altra me che vuol volare,

fra intrecci complicati

di rondini in amore

ed essere di nuovo

il giglio della sabbia

o la ginestra in fiore,

il gabbiano che si tuffa

dall’alto della roccia

o la sua preda furba,

quel pesce blu e d’argento

che riesce con un guizzo

a uscirgli fuor dal becco

e a inabissarsi ancora,

felice dell’abisso…

Se fossi Crono, il tempo

mi mangerei la Terra,

come un’anguria tonda,

tanto m’è caro il succo,

la dolce vita rossa,

che cola dalla bocca

di chi può amare ancora.

Ma sono questa mummia,

più giovane all’interno,

seduta sulla barca

che Ra, dio del tramonto,

conduce in fondo al mare.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: