Nel fiore degli anni

By | Poesia | 2 Comments

angeliblu

Nel fiore degli anni

cercava la vita

la fonte dei giorni

le ragioni.

La morte,

annidata nel corpo

come un feto indiscreto,

intanto, aspettava

il suo tempo.

E venne quel giorno,

Il giorno dei giorni,

e non capì niente

nemmeno si accorse.

Truffato, da sempre.

Crash!

By | Poesia | No Comments

porta

 

Sto malissimo.

Sto tre volte più male

di male. Sto uccidendo

i miei giorni depressi

con milioni di stupidi

no. Sono graffi alle porte

del cuore, sono topi

che rodono i muri.

Se son casa, son certa

che crollo, sentirai

nella polvere: crash!

Il filato confuso

By | Poesia | No Comments

colazione da Tiffany

Se hai voglia di ordine,

oggi non è proprio il caso.

La mia storia è così,

almeno da  dentro

e si affida al racconto

delle cose che uso,

la matassa dei giorni

di una vita non dipanata.

La sorella dei sogni

By | Poesia | 6 Comments

sorelle

Com’era dolce, sorella,

parlarti di lui nel serraglio

e sognare le notti d’amore

che non ci furono mai.

E tu mi lavavi i capelli

e tiravi e piangevo e lisciavi

(e poi mi baciavi)

per renderli morbidi e belli

come la seta, dicevi,

e mi insegnavi a danzare.

Mi par di vedere quei giorni

e gli oli, i profumi, la frutta,

le risate innocenti, i candidi denti,

e l’ombra e le grate gelose

che ci celavano al sole.

Dov’è il nostro oriente, sorella?

Dove brilli, mia giovane stella?

 

(Disegno ispirato a un dipinto di P.Bouchard)

L’ora del tè

By | Poesia | 6 Comments

la rossa

Ancora un giorno

speziato di amaro

avanzi di sole

di sale dal mare

tingono un cielo

che sereno non è.

Nerbi grigi

di rorida bruma

schiocca il vento

a frustare il tramonto.

Geme il ceppo

arso dal tempo

dentro al fuoco

che brucia i miei giorni,

ma, se mi guardi

non vedi che questo:

sono una donna

che beve il suo tè.

Il mercante di vita (il prezzo dell’insonnia)

By | Poesia | 5 Comments

Semi di vita

Vendimi soltanto

una notte più calma,

stabilisci il prezzo tu.

Vedo che nei tuoi sacchi

non hai molti semi di vita.

Io ti propongo: vendimi

una notte di sonno

per cinque  dei miei giorni.

Il mio tabarro

By | Poesia | No Comments

Il tabarro

Manto azzurro

invernale

denso liquefatto

un po’ nube

un po’ ghiaccio

un po’ latte,

sulle spalle

del tempo

a coprire

i miei giorni

così uguali

da quando

un altro mantello

pesante,

un tabarro,

mi avvolge,

il senso di morte

che incombe.

Quanto basta

By | Poesia | 2 Comments

il sole al tramonto

Per averti amato

quanto basta

per morirne

e risorgere

dopo chissà quanti anni

obbligata

dall’assurdità del corpo

che, per quanto magro,

se ne restava in vita,

io ringrazio

non te,

che te ne andasti,

codardamente,

ma quel dio

pagano dei tramonti

che mi ha donato

occhi tristi

per vedere cose

che mai

altrimenti

avrei veduto

oltre l’ovvietà

di questi giorni

e, da allora,

per sua immensa grazia

compensativa,

un’intensità di

ogni mio sentire

sempre

così che ogni droga

è acqua di fonte.

L’invalicabile orizzonte della morte

By | Poesia | No Comments

edicola tre colonne_Fotor

Nostalgia che non può

varcare il mare

di questi molti,

silenziosi giorni…

Ah, tornare, io,

procellaria che non sa

sorvolare il vento,

cercare il nido

del tuo tempo ignoto,

trovarlo, amore mio,

trovarlo vuoto!