Skip to main content

L’alba dei lunghi silenzi

By Poesia 13 Comments

Percorrevamo un’alba sterrata

che confinava con pozze di bruma

e sentivamo le urla del mare

che si acquattava dietro la duna.

Un sangue chiaro colava dal cielo,

come un martirio di vergine bruna,

carni straziate e seni di latte

e veli azzurri a coprire la luna.

Qualunque cosa avessimo dentro

l’eterno sbranava in voraci silenzi.

E fu così che perdemmo l’amore

fra gigli di sabbia e taciute parole

e stupefatte ferite nel cuore.

 

La barca

By Poesia 5 Comments

 

arenata

Sul limitare della duna

non così lontana dal mare,

arenata nella sabbia,

io sono il mio silenzio,

barca mutilata dei remi,

né più onda sarà grembo

alla mia voglia di andare.

Non porterete fiori. Per me

già li semina il vento…

Ritorno alla duna

By Poesia 2 Comments

duna

Come mi è caro accarezzarti i capelli

qui sulla duna dove ti trovo sdraiata,

mia primavera che torni! Aspra di mare

e povera ancora di splendidi orpelli.

Oggi voglio dirti una cosa:

Io sono morta tre volte, o avrei potuto,

per folgorazione, per crollo, per coma.

Ma, come te, sono tornata ogni volta.

Innamorate del cielo e del sole,

quello che amo di noi è la forza…

La palizzata lungo la duna a primavera (la morte e la vita)

By Poesia 5 Comments

duna col rosa

La duna si è offerta

ai venti fecondi

e  ai connubi d’amore

graffiati dal mare.

Ritorna la vita

fra la sabbia salata,

di rosa, di giallo

si è rivestita.

Eppure c’è un legno

che, per quanto si affanni,

per quanto sospiri,

non prude di  gemme,

né arde di fiori,

né manda radici

a suggere umori…