Pasquetta

By | Poesia | 6 Comments

Si consuma della città

l’anima spenta.

In un calmo deserto

di scopi e d’intenzioni

rimangono i palazzi

con i visceri colmi

di fatica di ogni giorno

di rabbia, frustrazioni

e delusioni, il lavoro

dell’uomo, le sue grida.

Sono chiusi anche i bar,

così non berrai, oggi,

raro viandante,

né acqua, né caffè, né vino,

né l’aperitivo a pochi euro

che qui calma il dolore

l’appetito e la voglia

mondana di apparire.

Dove saranno, tutti?

Forse al mare, forse in gita,

a consumare in un giorno

le speranze. Per riprendere,

domani, ad appassire

trasfondendo la vita,

nelle vene sfiancate

di queste grigie strade.

Kokoschka nel cuore

By | Poesia | 7 Comments

Sinciziale

Sinciziale, alzati!

Sei troppo bella

con i visceri estrusi

senza pudore.

Ma adesso ascoltami,

sono il tuo riflesso

in questo specchio,

sono come tu mi vedi

coi tuoi occhi,

così fidati di me:

È ora di andare.

Flebiti profonde

della mente e del cuore,

coaguli di sogni

andati a male,

viluppi di speranze

e delusioni

con i loro colori

sono asociali

e molto spaventosi.

Rimettiti la pelle,

se proprio vuoi restare.

Cose da fare

By | Poesia | 6 Comments

scatola tonda di latta

Comprare una scatola

per i ricordi. Tonda,

grande. Di latta colorata.

Smetterla di sognare.

Buttare dentro tutto:

vita spappolata,

ore inutilissime,

fatiche, delusioni,

cromosomi. Maledetta genetica!

Chiudere, sigillare.

Seppellire, seppellire!

Vestirsi come un’altra.

Uscire, uscire, uscire!