Confiteor

confiteor

Oggi sul vento teso

rotola una campana.

È come un malditesta

che batte molto dentro

e c’è malinconia

nell’anima intristita

e un fare genuflesso

come di confessione.

Cosa ci posso fare,

o testa mia velata,

se il tempo si è involato

con tutte le persone

che avrei voluto accanto

per la mia redenzione?

 

 

Il mio cuore calza il 31

Scarpetta numero 31

Una sensazione così

l’ho già provata

però ai piedi, non al cuore.

Ero una cara bambina

e ho pagato un prezzo

per un paio di scarpe

che mi piacevano tanto

davvero un po’ alto.

Forse lo meritavo,

quel contrappasso,

anche Dante l’ha detto,

ma  l’avrei scoperto

molto tempo appresso.

Certo, avevo mentito

alla mamma, sulle scarpe

della prima comunione,

un sacrilegio senza confessione.

Erano bianche, col listino

e piccoli fori vi disegnavano

corone di fiori. Unico paio,

il trentuno.

Mi piacevano quelle,

erano corte e strette,

mi facevano male,

a mia madre mostravo il sorriso

e mi fingevo in paradiso.

Ecco, così oggi con te

il mio stupido cuore.