Skip to main content

Fame d’aria

By Poesia No Comments

Dormi dormi, bel bambino,

canta l’angelo divino.

Sotto, una marmotta

mi scava la fossa,

il canale gloglotta.

Il delirio mi raddoppia la gola,

bere in condivisione

diventa un’ossessione.

Amaritudine…

Precocità dell’atto …

Sto per morire?

Una cuffia di marmo

mi tappa le orecchie,

aspettando le sette…

 

Dopo San Valentino

By Poesia 2 Comments

Mi chiedono ancora

di scrivere d’amore…

Io mi guardo le mani,

così macchiate dell’inchiostro

della condivisione, che paiono sporche

e rattrappite se ne stanno,

senza più donare.

E poi c’è questa polvere di mummia,

che mi affanna il morto cuore.

Se lo scuoto, il cuore, fa un bel suono,

come di pioggia, come uno scroscio.

Ma il sangue vi scorre silenzioso,

non partecipando, ahimè,

dell’umore caldo di altro cuore.

Accarezzo distratta i tuoi casti capelli

di bambola vecchia, che so bianchi,

ti massaggio i palindromi dolori,

che rincorro con le mani

e ti addormento e tu rimani…

 

Tradimento dei tempi e del tempo

By Poesia 2 Comments

Fa molto male l’illanguidirsi dell’amore,

condivisione forzata

del cattivo umore

e discorsi dal tenore

ambulatoriale,

quando si aspetta,

però nessuno ha fretta,

godendo tutti

della rassegnazione

del mutuato in pensione:

Ci si raccontano i mali.

Questo dunque l’amore,

scandito da bucato comuni,

illusioni, fugaci strette

di grinzose mani.

E poi c’è un caldo epocale,

da telegiornale.

Proibito a noi uscire,

se non si vuol morire.

Una volta luglio

era il mese del mare.

Una spesa avvilente,

di qualità indecente,

la portano a casa

i grandi fornitori,

supermercati

e prodotti bacati.

Perché chi sta a casa

non vale, peggio per lui

se sta male!

Basta che possa mangiare…

Una volta a luglio

noi potevamo amare…

 

Ringraziamenti e auguri

By Senza categoria 13 Comments

albero di natale1000firmato

Carissimi lettori,

Vi ringrazio per queste mie prime mille stelline, un vostro meraviglioso regalo di natale, che è testimone non tanto di un successo, quanto dell’avverarsi del mio sogno di condividere con voi tutti esperienze, sensazioni, pensieri, emozioni, tramite la poesia.

Vi ringrazio anche per i vostri numerosi e calorosi messaggi, che rinnovano in me la voglia e la forza di continuare a scrivere e vi auguro ore liete e serene per le prossime festività.