Skip to main content

Addio a La Thuile

By Poesia 2 Comments

Sopra al grigio dei tetti

scivolava il tramonto

pennellate d’arancio

fra le strade deserte

del paese alle cinque.

Il dehors  di quel bar

e noi due assurdamente

a mangiare il gelato

aggrappati al cucchiaio

(creme miste in un cigno

di azzurrato cristallo.)

Il respiro del Rutor

ci incurvava la schiena,

eran fredde le labbra

e l’addio vi alitava

quelle frasi tremanti

che si dicono gli amanti

giunti a fine vacanza…

 

Funerale

By Poesia 2 Comments

prefiche

Ance da funerale

appese lungo i rami,

arti protèsi, pròtesi

di prefiche cicale.

Addio, mia cara estate,

frinisce a morte il cuore,

seccato è un altro anno,

inganno della vita,

che prima mi innamora

e poi mi lascia sola.

Le mani

By Poesia No Comments

mano-rosa-erosa

Sai che mi ricordo ancora

di quello strano addio che non avvenne,

perché sette giorni dopo ritornasti?

Eppure ci rimasi molto male,

eravamo, amore, a Portofino,

là sul monte per guardare il mare

e quando mi parlavi così strano

promisi a me stessa di non telefonare,

né di cercarti mai e ti guardai le mani,

così per ricordarle, casomai…

tanto sottili e chiare, eppure forti e grandi,

e le carezze sparse, fragili farfalle…

Poi l’aria marzolina respirando,

un po’ primaverile, un po’ invernale,

decisi di affidarmi al mio destino,

sicura del nonsenso del lottare.

Se tornerà, mi dissi, sarà perché lo vuole.

Né baci, né promesse, né parole,

né tantomeno lacrime e sospiri,

attesi sette giorni ricamando

piccoli fiori all’ombra del rimpianto.

E ritornasti e son passati così tanti anni,

e siamo ancora e sempre insieme,

che se li conto mi spavento, ma va bene!

L’alba dell’addio (dopo una lunga notte di luna per due amanti disperati, di cui uno veglia, l’altro ancora dorme e sogna di poter restare)

By Poesia 3 Comments

ballerinafiori

 

Per quanto la luna danzi ancora

su questa folle aurora viola,

e ali di gabbiano grandi

sorreggano i volteggi dei suoi piedi,

amaro come la più fosca delle notti

senza una stella, né un pianeta in cielo,

amore mio,  già giunge il triste giorno

che tutto oriente adesso indora.

Le parole dell’addio

By Poesia No Comments

riccardo antico

Perfido il tempo

cancella i ricordi

così io ti invento

ridisegnandoti.

Passo le dita

intinte nel vento

su fogli di vuoto

le ciglia i tuoi occhi

il naso la bocca

e quelle parole

che ancora risento…

La tamerice

By Poesia 2 Comments

tamerici

Un mare inquieto

agita schiume fossili.

Ancora vento amaro

ancora una volta

travolta dall’addio.

Agitata, fragile tamerice

schiusi per te

rosei fiori precoci

eppure polverosi.

Così diversi, noi due,

qui nella vita.

Nella sua rossa polvere

a lungo calpestata,

lame di acciaio,

pozzanghere di lacrime

lucide del riverbero

di un repentino sole…

Così diversi, noi due,

qui nella via,

incrociavamo i rami,

sordi all’altrui dire:

tu, il selvaggio caprifico,

io, la tamerice.

Addio di fine agosto

By Poesia 2 Comments

capannone

“E chi se l’aspettava

un’estate così strana…”

Dici banalità sul tempo

per non parlar del poi.

Sopra, c’è il cielo nero,

e sotto un capannone.

Lontano il mare urla:

“Che ne sarà di voi?”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: