L’amato tuo Chopin

By | Poesia | No Comments

Che ne diresti, amico,

di fare un po’ di musica?

Io ascolto, tu che sei bravo

suoni. Mandi le mani magre

dietro ai tuoi vecchi sogni

e io, che ti conosco, a volte

li indovino, viatico divino

l’amato tuo Chopin.

 

San Valentino 2020

By | Poesia | 2 Comments

Come una chagallina volante

un giorno ho trovato l’amore:

Tu mi hai presa per mano

e ho incominciato a volare.

Il vero amore da felicità. Auguri a tutti  i Valentini, presenti e futuri!

 

Vento sul porto

By | Poesia | 3 Comments

Quando vedo le foglie

vessate dal vento,

mi vengono in mente

frasi senza senso:

Gradi di libertà,

libero arbitrio

e inevitabilmente penso

al senso della vita

mentre lo sguardo vaga

fra tutte queste barche

incatenate al molo

con il sartiame in pena

e la speranza dentro

di sciogliere le vele,

doppiare e superare

i limiti del tempo…

Se vuoi veder passare il vento, clicca sulla freccia!

 

La morte cortese

By | Poesia | 4 Comments

Questa mattina,

vidi la morte

nel corridoio,

nel corridoio

della mia casa.

Proprio là in fondo

c’era la morte,

c’era la morte

seduta sul trono.

Con le sue vesti

sovrabbondanti,

fatte di lembi

di vesti dei morti.

Più nera del nero

dell’alba d’inverno,

vidi la morte

e la vidi in trionfo.

Per andare in cucina

a farmi il caffè

avrei dovuto

passarle accanto.

Mi era parsa benigna,

e priva di fretta,

come chi viene

e poi se ne va,

ma era la morte,

la morte sul trono.

Non troppo impaurita,

mi mantenni prudente.

Tornai a letto

e adesso son qua,

piuttosto contenta

di raccontarlo.

C’era la morte

e poi se ne andò.

C’era la morte

nel corridoio,

c’era la morte

seduta  sul trono.

Vidi brillare

nel portaombrelli

della sua falce

la grande lama.

Nel portaombrelli

a forma di scarpa

vidi brillare

la grande lama.

C’era la morte,

seduta sul trono

nel corridoio

della mia casa.

C’eran la morte,

La falce, la lama…

Recò un avviso

la morte cortese,

la morte senz’arma,

seduta in maestà.

Or se n’è andata,

ma un dì tornerà,

brandirà la sua falce

e mi ucciderà.

 

Addio notte

By | Poesia | No Comments

Addio, notte,

che mi lacrimi addosso

dai tuo drenaggi lassi

uncinati d’alba rossa

esiziali umori amari,

non mormorarmi agli occhi,

non colarmi più in bocca

i tuoi gemiti e orrori.

Sento freddo alle ossa,

mi sembra tutto strano,

come quest’ombra gialla

che ti esce dalla testa,

forse un’idea fissa liquefatta,

o il dramma di un giorno

che nasce già morto di paura,

del bieco teatro della vita

pessimo, infimo attore…

 

Il nuotatore

By | Poesia | 2 Comments

Tramontava il mio giorno

dentro a una bocca di buio

spalancata a occidente.

Con la bocca serrata

si tuffava nel niente

trascinandosi dietro

una sciarpa di luce dorata.

 

Accettazione

By | Poesia | No Comments

Goditi, anima,

questa tua solitudine

e fai spazio al dolore

come parte vivente

della tua umanità,

così come la terra

quando il cielo le piove

inclemente sul corpo

sdraiato, indifeso.

 

 

In corridoio

By | Poesia | No Comments

Ancora una volta

esplode il sole.

Cola il soffitto

del corridoio,

muore il suo grigio

in questo tramonto.

Luce furtiva

che dura un secondo,

grande la gioia

per questo mio istante,

dove la gloria

si rappresenta.