Le tue fragilità

fragilità

Questo vasto cielo

tutto scritto di nubi

sbandolate a caso

da un fiato di vento

pare in primavera

per quegli orli d’oro

che guarniscono a caso

il suo bordo slabbrato

a svelare l’immenso…

E invece è inverno,

mio spaventato amore,

e pioverà più tardi

da coaguli di cirri serotini

e dai tuoi tristi occhi

fissi sull’oltre immaginario

di un futuro estremo.

Ma io ti salverò dal tempo

col caldo del mio corpo

ricoprendoti a sedare

i tuoi terribili tremori

e sarà notte e dormiremo.

L’alba di mia madre (a Genova)

Arco di alba fusion

È da molti giorni

che, cercando l’alba

più bella della vita,

quella di Eos che danzava

e con sciarpe rosate

frustava l’immenso,

io rivedo invece

la più triste.

E tu che morivi, intanto

e dal cielo le fiamme

a lambire la tua casa

tutto intorno

e c’era una gran musica

che sorgeva all’orizzonte

tracimando in mare,

eppure silenzio…