La pietà del cielo

L'espansione

Stanotte volevo evadere con forza

dal mio cielo falso di cartone,

trascendere pareti e muri neri,

aprire le mie braccia oltre l’insonnia

che mi legava il corpo al letto

e all’ossessione losca dei pensieri.

Stanotte mi volevo ri-Creare,

l’anima com’era e un corpo siderale

e mi vedevo spalancare l’ali

a toccare, non so dove, quando e quanto

l’universo e la pietà di un grande cielo.

13 thoughts on “La pietà del cielo

  1. Scrivi poesie dunque un mondo molto lontano dal mio ma..in comune abbiamo in dono il coraggio d’espressione per auto- gratificazione. Quando schiettezza genuinità e creatività vanno a corte, re e regine si colmano di benessere dunque complimenti per il tuo modo d’espressione. Non sarò mai in grado di depositarti degni commenti ma di ascoltarti sicuramente. I disegni già di loro contengono parole😁

  2. Grazie Paola per le tue belle parole, sono molto contenta che tu percepisca l’integrazione fra il disegno e le parola, io vorrei che l’uno completasse l’altra, sperando però che la poesia riesca a essere anche immagine (senza che le sia strettamente necessario il supporto dell’immagine).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...