Atropo

Non so mai

se ho sprecato

e quanto ho sprecato

della mia misura di vita.

Benevole Parche,

contate vi prego

le dita di filo

che per me

ancora pendono

giù dal fuso del cielo.

Così che io le tessa

fino all’ultima spanna.

One Comment

Lascia un commento!