Skip to main content

Solstizio d’inverno 2020

By Poesia 4 Comments

Quest’anno me l’ha detto un amico,

non mi ero accorta che fosse “quel” giorno,

troppo delusa dal giro dell’anno, per me, per il mondo,

per la voglia dannata che vedo qui intorno

di non risorgere affatto, anzi semmai di cadere

più in basso ed ancora più in basso,

con Caronte che gode a mandare i suoi remi

e Minosse giulivo che torce la coda verso gli imi gironi…

Tradimento, vendette, cupidigia di tutto,

persino la corsa per accaparrarsi il salmoni,

al supermercato gremito di insaziati procioni…

Non vedo, proprio non vedo resurrezione,

così io mi chiedo se abbia un senso sperare

che la gloria del sole già da oggi trionfi

rosicchiando alla notte solo pochi secondi.

 

 

Memento mori

By Poesia 9 Comments

memento mori

Non c’è né grazia

né redenzione.

Tutto si compie

qui dove siamo.

Quando la terra

coprirà noi,

noi la nutriremo.

Quella fungaia

che spunterà

sarà la nostra

resurrezione.

Aurora sul mare

By Poesia 3 Comments

Aurora

Voglio dipingere

un’aurora infuocata astratta

com’è dentro il mio cuore,

colante lava densa scura

sulla vena fusa del dolore

ed il suo vano andare

verso il seno amaro grande

e il mugghiar del mare.

Gloria e rovina e amore,

rocce in autocombustione,

lembi di cielo nero e oro,

trionfo ed abiezione,

una pianeta viola stesa

in aria, gran celebrazione,

morte, oblio, resurrezione.

Quando apparirò sul mare

By Poesia No Comments

fantasmasulmarefirmato

Aspetta che sia rosa e nero

il cielo e frema ancora il mare

per un vento di burrasca

che quasi più non spiri.

Io camminerò al tuo fianco

rinata nella luce del tramonto

che mi piaceva un tempo.

Vivrò del tuo pensiero,

amore mio…

Alla fine dei tempi

By Poesia 11 Comments

 

laghettoRiccardodue

… Sbocceranno come gemme

nuovi denti molto bianchi

e dal mucchio polveroso

delle ossa stanche infrante

cresceranno snelle gambe

fatte apposta per le danze.

Alla nuova carne rosea

generata sulle spalle

chiome lunghe color d’oro

languidissime carezze

oscillando porgeranno

e sorrisi animeranno

il bel volto rispecchiato

nel laghetto appena nato

sulla soglia del sacello.

Un bellissimo racconto

al mio cuore disperato…