A Lanzarote

By | Poesia | No Comments

A Lanzarote firmata

Il mio corpo

non può dare ancora molto

e a Lanzarote morirò.

Amami adesso

anche se fa caldo.

Grilli zanzare afa sonno dolore.

Accendi ancora

la mia stella cadente

nel silenzio interrotto

della notte d’agosto.

Copri il mio corpo

con le ali fresche dell’amore.

Grilli zanzare afa sonno morte.

 

Pavane

By | Poesia | 2 Comments

fantasmame

Non so se finirò questa notte

troppi fantasmi mi vengono a trovare…

L’ossessione del pianoforte

quattro note quattro quarti

per un accordo maggiore

e sopra il miagolio del dolore

i suoi trilli disperati

i sospiri della morte.

Svegliati amore e sposa la mia anima

prima che il respiro del sonno la possieda

pettinami i capelli neri di paura

con i violini delle tue dita esperte

ferma questa grottesca marcia nuziale

sfatta di putrefazione ed ossa sparse

che mi fa esplodere la testa

posami le mani fresche sulle tempie

riscatta il mio respiro prigioniero

bacia la mia vita, falla ritornare…

 

Insonnia

By | Poesia | 3 Comments

insonnia di eroastrato

Perché non dormo?

Mi manchi.

Mi manca l’approdo

all’isola del sonno.

Erano le tue bianche

braccia fra le nebbie

a sostenere il mio corpo

quasi annegato, stanco.

Dalle fatiche d’amore

stremato.

Je suis malade

By | Poesia | No Comments

scaladepressauno

Cammina

ma è come se stesse

in ginocchio.

Sale le scale

e la sua anima striscia

come l’ombra

sul muro.

Sente il vuoto dentro,

eppure gli pesa

portarselo dietro.

Il suo tempo si sbriciola

come le ossa di un vecchio

e ne prova un dolore

Nemmeno l’amore

lo consola

e la vita vola…

Come va?

By | Poesia | No Comments

IMG_1905_Fotor

C’è un vento tremendo, amore

che smentisce il sole.

Che sia caldo non importa,

frusta i ricordi, pungola il cuore.

Quante volte ho dormito

come un agnello mansueto

fra i tuoi zoccoli insonni

di stallone irrequieto?

Se si aprisse il recinto,

resa folle anch’io

dal fiato della vita

che, benché tardiva,

ancora spira,

fuggirei ventre a terra

oltre al verde dei prati,

oltre all’azzurro del cielo,

fino alle frange del tempo,

nubi bianche gelate,

appese all’orizzonte estremo.

 

 

 

 

 

 

Perduta immensità che non ritorna (conversazione sulla spiaggia)

By | Poesia | No Comments

Riccardospiaggiadue

Quanto di questo ci appartenga

non ci è dato sapere, amore mio…

All’improvviso nel vento mi rispondi:

Tutto quello che con gli occhi portiam via,

finché dura questa vita e così sia…

Pittore

By | Poesia | 2 Comments

 

cascianaquadroriccardo

Disegni sempre

lune perfette.

Anche i tuoi cieli

le stelle, le notti

e l’amore lo sono.

Dall’alba al tramonto

acquerello stupendo

dipinto dal tempo

la vita con te.

 

Autofagia

By | Poesia | No Comments

Effetto cateringtre

Poco invitante

il buffet dei rimpianti

e io che ci vado

Manto nero anni ottanta

con spalle da mongolfiera

che mi fanno volare

e sotto, ben allacciata,

camicia di seta artificiale

che mi costringe a sudare.

Accaldata mi accalco

al tavolone sbilenco,

piatto di carta in mano

usato, lavato, riciclato

per sempre.

La forchetta sdentata

di plastica bianca

artiglio indecente

mi deturpa la mano.

Non mi privo di niente.

La musica stride

da un long playing lesionato

dalla puntina di diamante.

Si ripete e si ripete.

Righe di formiche nere

assediano ordinatamente

un ineffabile cous cous

di lacrime vere,

le sprecate primavere.

Poco lontano

nuota un sushi sfatto

sul mare di un sogno

non più intatto,

il mio professore,

l’Amore…

La tartina rosa innocente

del primo languore

posata sul sandwich

di un gioco da grandi

da dimenticare.

Una farfalla di burro

tenta di volare pesantemente.

Più indigesto di ogni cosa

il meringato alla panna

di un tarmato, negato

abito da sposa impiccato,

tremante…

Niente da bere

per dimenticare.

E poi c’è un carnevale

criminale,

frittelle di fiele

ancora e ancora

amaro l’ amore…

E non aver mai più

la voglia di danzare.

Quando apparirò sul mare

By | Poesia | No Comments

fantasmasulmarefirmato

Aspetta che sia rosa e nero

il cielo e frema ancora il mare

per un vento di burrasca

che quasi più non spiri.

Io camminerò al tuo fianco

rinata nella luce del tramonto

che mi piaceva un tempo.

Vivrò del tuo pensiero,

amore mio…