Alba a Sordevolo

By | Poesia | 4 Comments

Sordevolo pittorica all'alba

Dalla finestra all’ultimo piano,

affacciata sul rosso dei tetti,

vedevo l’alba entrare in paese

furtivamente, strada per strada,

trascinando filacce dorate

che l’aspro artiglio della montagna

dalle vesti le aveva stracciato.

Non udivo il rumore dei passi,

ma argentee note, come di cetra,

cadere a gocce e petali rosa

nel silenzio del calmo mattino.

Quantum foam

By | Poesia | 2 Comments

spuma di galassia in formazione

Per un attimo dio

con le mani di dio

agito la schiuma quantistica

lo spazio tempo

del mio lavandino.

Con gemito di monadi

scoppiano e nascono

buchi neri galassie

nuovi dei e universi

per clonazione…

 

Giochi notturni nella limonaia (divertissement)

By | Poesia | No Comments

limonaia notturno

La notte agitata

da velami di luna

corde di nuvole

calate a noi giù dal cielo.

Vento, vento d’argento…

Eri tu, angelo mio,

che correvi ridendo.

Buio fiato di lupo affannato,

già da allora inseguivo

la paura che sarebbe finito

e ogni bacio già dato

diventava rimpianto,

agro agrume

il tuo seno piccino.

Ti sfioravo la veste,

ed eri sparita

pianto di stelle

mi macchiava le dita.

Sai, credevo di averti

e mai più ti ho afferrato.

 

 

 

 

 

 

Le nuvole

By | Poesia | 4 Comments

nubi disegno

Profili aguzzi di strega

e morbide fate ovattate

il vento disegna nel cielo.

Tutte le bacia, le prende

e, come le aveva evocate,

crudele, così le cancella…

Verrà la luna

By | Poesia | 4 Comments

luna a bagnovignoni

Come il profilo della luna,

con quel suo naso aguzzo

e il mento arcigno,

eppure più la guardi

e più si svela

come la bella donna

che ci veglierà

nella sua bellezza piena,

così io da sempre aspetto

quelle notti di luce chiara

e serena, che a molti piace

chiamare pace…

 

 

Lamento di una tomba (ossianicamente…)

By | Poesia | 2 Comments

tomba

Quando la mia faccia

sarà una o slabbrata

con narici da clown triste

e occhi tondi spaventati

Quando la pietà del marmo

negherà al tuo chiaro sguardo

il mio sembiante disarticolato

di marionetta troppo magra

che nei vestiti larghi e stinti

esegue danze senza tempo

sulla solenne musica del vento

Quando dai nostri incontri

non privi di passioni

secernerai soltanto lacrime,

feconde di recise rose e viole

Quando mi mancheranno voce,

ispirazione, estro, sensi e tempo,

per convincerti ad amarmi,

allora mi vorrai, ma sarà tardi.

 

Un anno

By | Poesia | 4 Comments

tartine

È stato un anno molto duro,

e il nostro amore strano.

Cerco qualcosa di noi, se è rimasto

e non so dove posso trovarlo…

Sotto il cuscino forse?

O in una fetta di salmone,

nel gusto strano, intenso,

che ti rimane in bocca e sulle mani?

O nelle perle di caviale nero

le poche ore stritolate sotto i denti

per masticare i resti rotolanti?

O nell’aria della stanza ancora chiusa

vedere e rivedere quei risvegli…

Quando diventammo noi così diversi,

un piede giù dal letto ed è la fine?

Noi siamo ancora e sempre noi,

ma io mi osservo e resto io

e tu ti guardi e resti tu.

E il nostro amore così grande,

così incapace di fusione

svanisce lentamente nello specchio.