L’amazzone

By | Poesia | 2 Comments

schizzo amazzoneuno

Così vicina all’inverno,

cavalco il libeccio senza sella

aggrappandomi ai crini,

giù per le valli ombrose

del destino,

senza sosta né meta,

sempre cantando.

 

Fata Morgana (viaggio nel cuore)

By | Poesia | No Comments

invernoastrattodue

La mia fuga sul lago

di ghiaccio di pianto

scivolando le curve

a sfidare il destino.

Gabbiani di neve

a larghe falde

solcano un cielo

che la notte fa nero

palpitando in un volo

felpato. Solitudine

senza eco. Tremori

come alberi vestiti

di gemme d’inverno…

 

 

La radio accesa (situazione)

By | Poesia, Senza categoria | No Comments

urlo silvia firmato

… Ti lascio la radio accesa

così non resti sola…

Queste le tue parole,

la soluzione spiccia

per il freddo nel cuore.

Poi chiudi la porta

e io spengo tutto,

scendo nel vuoto

e mi metto a gridare.

Nota: Per illustrare questa mia atmosfera interiore, ho indegnamente operato il fotomontaggio di un volto femminile distorto sul  celebre, splendido quadro “L’urlo” di Edvard Munch.

Inverno a Settembre

By | Poesia | 6 Comments

Bernatenevecornice

Ricominciavo a Settembre

ad amare l’inverno.

Aspettavo il buio, il silenzio,

la precocità della sera.

Il cerchio giallo di luce

disegnato sul tavolo

dal lampadario.

E io ci stavo dentro.

Scrivere. La solitudine.

Il guscio caldo della casa

intorno a rivestirmi l’anima

nuda come una lumaca.

Lo strisciare lento dei giorni,

la lunga scia di parole.

Cercarti. Mentirti.

Dirti: “scaldami, ho freddo!”

Invece era amore…

Dalla foresta al torrente Cervo (guadando il tempo)

By | Poesia | No Comments

Rosazza fiume

Quando il sole, al di là della foresta,

corre libero lungo la pianura

e per le mandrie è già l’ora di tornare

e noi qui, sotto gli alberi che sono già neri

fitti di ricordi, di rimpianti, di pensieri

tanto che pare già scesa la sera

per noi prigionieri, ecco, in quest’ora

raccoglierò a terra, fra gli aghi di pino

gli ultimi raggi dorati, come fossero crini…

…e intrecciarli per far comparire l’antico:

i nostri balzi guadando il torrente

per lasciare la strada alle mucche

così impazienti, e noi pure,

perché già giungeva il tramonto

a dipingere d’oro e l’acqua e l’amore

e le risa dei nostri bambini…

 

L’alpeggio (niente è come sembra)

By | Poesia | No Comments

farfallatre

 

Appare stupenda

la rossa farfalla

nella sua rete

di neri ricami.

Con fremiti d’ala

elegante si posa

su brune chiazze

di sterco di mucca.

Profuma il timo

nel verde all’alpeggio

ma la bellezza

non sempre è sublime.