I tempi del Jazz

By | Poesia | 2 Comments

degas tre

Ti ricordi i nostri aperitivi tristi

e la certezza che mai più

saremmo ritornati?

Era quel bar sull’angolo, la sera

che non faceva affari

e suonavano un buon jazz

e noi, chissà perché,

ci sentivamo morire.

Era gentile, il cameriere

accendeva la lampada viola

nell’ombra ci faceva sedere.

E c’era il vecchio artista,

che era stato grande

che canticchiava piano

con la sua voce nera

quasi senza farsi sentire,

ma sapevamo chi era.

E beveva il suo vino

con moderazione

e si mangiava un panino,

la cena.
Quanto è durato?

Una, due volte, forse tre, mi pare

e mai più, mai più ritornare.

Come sarà

By | Poesia | No Comments

angelostellatofirmato

Danze mutate in volo

Tutte le città di notte

Tu che non mi vuoi amare

Calzini corti rosa

Sandali di suede nero

Mi parla un uomo bleso

Il mio dottore non mi cura

Stradina senza sbocco

Muri di pietra grigia

Mazzi di rose rosse

Com’è vicina l’alba

Tetti sporgenti acuti

Angeli di marmo in alto

La cura

By | Poesia | No Comments

aranciatasanguinello

Ichirogamaim.

Trascinatemi là, per favore

quando mi rotolerò per terra

gemendo di dolore.

Ve lo chiedo da adesso

perché, dopo,

non saprò più parlare.

E dovrete far presto

prima che mi perda

nel silenzioso orrore

di una quieta follia.

Non abbiate paura.

Diventerò una piccola cosa,

una spazzola per vestiti

con le setole grigie

abitate da ragni neri.

Così infetta sarà la mia mente,

così infetti i pensieri.

Nel mio sangue infermo

raccolto in una zuppiera

caritatevole

di plastica verde

galleggerò quietamente.

O diventerò un gomitolo

di lana usata rossa

che più non si dipana

in pensieri.

Troppo infeltrita la mente,

troppo infeltrita la vita…

Haiku

By | Poesia | 4 Comments

ondaverdeduefirmata

Strano mare oggi a Tirrenia, colorato di tempesta e di alghe. Le onde galoppavano in tutte le direzioni, con effetti particolari…
(Sullo sfondo è visibile la Gorgona)

Haiku

Un’onda verde
attraversando il mare
nel sole appare

Una sbirciatina dentro

By | Poesia | 2 Comments

una sbirciatina dentro

Rotolando fra i pensieri insonni,

offerta il petto alla notte

che mi dilania

e trascinata dentro il gorgo

di un oblio selvaggio

non privo di abbandono,

giù, giù, sempre più giù,

ridendo di dolore,

oltre i confini della mente

oltre la ragione…

Pittore

By | Poesia | 2 Comments

 

cascianaquadroriccardo

Disegni sempre

lune perfette.

Anche i tuoi cieli

le stelle, le notti

e l’amore lo sono.

Dall’alba al tramonto

acquerello stupendo

dipinto dal tempo

la vita con te.

 

Autofagia

By | Poesia | No Comments

Effetto cateringtre

Poco invitante

il buffet dei rimpianti

e io che ci vado

Manto nero anni ottanta

con spalle da mongolfiera

che mi fanno volare

e sotto, ben allacciata,

camicia di seta artificiale

che mi costringe a sudare.

Accaldata mi accalco

al tavolone sbilenco,

piatto di carta in mano

usato, lavato, riciclato

per sempre.

La forchetta sdentata

di plastica bianca

artiglio indecente

mi deturpa la mano.

Non mi privo di niente.

La musica stride

da un long playing lesionato

dalla puntina di diamante.

Si ripete e si ripete.

Righe di formiche nere

assediano ordinatamente

un ineffabile cous cous

di lacrime vere,

le sprecate primavere.

Poco lontano

nuota un sushi sfatto

sul mare di un sogno

non più intatto,

il mio professore,

l’Amore…

La tartina rosa innocente

del primo languore

posata sul sandwich

di un gioco da grandi

da dimenticare.

Una farfalla di burro

tenta di volare pesantemente.

Più indigesto di ogni cosa

il meringato alla panna

di un tarmato, negato

abito da sposa impiccato,

tremante…

Niente da bere

per dimenticare.

E poi c’è un carnevale

criminale,

frittelle di fiele

ancora e ancora

amaro l’ amore…

E non aver mai più

la voglia di danzare.