Tetra teatralità del fuori luogo,

oggi è di nuovo primavera,

ma non vale la pena di parlarne,

troppi sono gli occhi che l’inverno

ha chiuso in fretta ed anzitempo

e non ci consola guardare i prati in fiore

pensando ai vuoti sguardi

di chi non li potrà più rivedere…

 

Lascia un commento!